I soldi che sono stati donati nella chiesa di Santa Maria delle Fornaci provengono dal trading online?

I soldi che sono stati donati nella chiesa di Santa Maria delle Fornaci provengono dal trading online?

29 settembre 2018 0 Di religio

La notizia della “donazione” di 36 mila euro aveva fatto il giro del mondo lo scorso giugno. Pare ci siano degli sviluppi interessanti sulla provenienza del denaro.

Come si sono svolti i fatti

Riassumiamo i fatti accaduti a giugno di quest’anno: Padre Giovanni Martire Savina, parroco sessantacinquenne della parrocchia romana di Santa Maria delle Fornaci, lo scorso giugno aveva ritrovato una pacchetto abbandonato nel confessionale della sua chiesa. Si trattava di una busta anonima, chiusa, senza nessuna dicitura e abbandonata nel confessionale della chiesa. Il piccolo pacco, era stato notato da un altro parroco più anziano, ma solo il giorno seguente la signora che aiuta con le pulizie in chiesa aveva raccolto il pacchetto e lo aveva consegnato a Padre Giovanni.

Una volta aperto il plico, il parroco si era reso conto che conteneva una serie cospicua di banconote da 50€, raccolte in mazzette legate con dei semplici elastici.

Dato che il pacchetto era stato abbandonato nel confessionale, l’onesto parroco non ha saputo identificare se si trattasse realmente di un’offerta alla chiesa o di un triste smarrimento, per cui si è rivolto ai Carabinieri affinché indagassero sulla provenienza del denaro.

Certo tutta la faccenda aveva qualche cosa di strano, perché un’anima tanto pia da fare una così abbondante donazione voleva passare nel completo anonimato? O forse non si trattava di una donazione, ma piuttosto di uno sfortunato incidente? Da dove proveniva quel denaro?

I risvolti dell’indagine

Una volta che sono intervenuti i Carabinieri della stazione locale, si è aperta un’indagine ufficiale. Sono state visionate le telecamere a ridosso della Chiesa cercando di identificare chi era entrato e uscito dal luogo di culto, sono stati analizzati con attenzione la busta contenente i soldi e gli elastici che fermavano le banconote, ma attualmente non si hanno notizie definitive sull’esito dell’indagine.

Voci di corridoio, confermate da alcuni parrocchiani ben informati, sembrerebbero però indicare come l’ingente apporto di denaro fosse proprio per una donazione alla parrocchia e fosse dovuto ai proventi del trading online.

Il trading online ha fornito i soldi per la donazione

Parrebbe, sempre secondo voci non ufficialmente confermate, che un parrocchiano avesse fatto voto alla Vergine. Il voto era a riguardo della sua nuova attività di trader.

Secondo i bene informati, questa persona, che vuole assolutamente rimanere anonima, aveva investito una cospicua somma di denaro in azioni, promettendo alla Vergine una ingente donazione in caso di guadagno. Probabilmente si trattava di una di quelle operazioni un po’ rischiose, in cui si rischia di perdere tutto, ma se i marcati rispondono come dovuto, i possibili guadagni sono davvero enormi. Inoltre sicuramente il parrocchiano è una persona molto devota, grata al lavoro che tutti i giorni la parrocchia fa in quella specifica zona di Roma.

A quanto pare, se questa storia viene confermata, la risposta dall’alto è stata davvero pronta ed efficiente, perché la donazione fatta alla chiesa è stata di ben 36 mila euro.

Il trading online può effettivamente dare ricavi tanto ingenti?

La domanda di chi è poco esperto nel settore della finanza è sicuramente lecita. Il trading può dare dei guadagni così alti in poco tempo? Assolutamente si! Nell’ultimo periodo chi sono stare delle oscillazioni a riguardo di alcune azioni che hanno permesso a piccoli e medi investitori di guadagnare forti somme di denaro in poco tempo. Naturalmente tutto dipende dalla somma investita inizialmente e dalla capacità dell’investitore di saper “aggredire” il mercato nel momento più opportuno.

Ogni giorno grazie al trading online si muovono somme di denaro enormi, distribuendo i ricavi tra gli azionisti di tutto il mondo. Il mercato della finanza è comunque un mercato molto amplio a cui tutti possono accedere, sia investendo grandi somme, che piccole e piccolissime. Non è necessario avere a disposizione centinaia di migliaia di euro per iniziare a fare trading, si può benissimo iniziare con una piccola somma, acquistando in modo accurato azioni poco rischiose che permettono dei facili guadagni.

Esistono piattaforme online di trading che permettono di disporre dei propri investimenti in maniera rapida ed efficiente, e documentarsi sulle azioni più convenienti da acquistare al momento risulta piuttosto facile, basta avere un po’ di accuratezza nella scelta.

Altri dei nostri articoli